TCRS
 

Centro Studi TCRS - Catania
Tel. +39 095 230478 - tcrs@lex.unict.i
t

 

 

ATTI    Presentazione
indietro - home  

 


      

     In questa sezione si trovano gli atti dei “colloqui” che da qualche anno sono divenuti una piacevole abitudine del gruppo di ricerca da me coordinato. Questi colloqui hanno coinvolto soprattutto giovani studiosi: alcuni collaborano con me nelle università di Catania, di Milano-Cattolica e di Roma-Luiss, altri svolgono attività di ricerca in sedi diverse, italiane ed europee, e hanno amichevolmente raccolto l’invito a confrontarsi tra di loro e con qualcuno dei “maestri”. In seconda battuta, questi materiali sono destinati a dei lettori-“navigatori”: ai quali, come a chiunque si mette in mare aperto, insieme a una certa audacia è richiesto un bagaglio il più possibile essenziale.

      Il rischio da evitare, allora, era quello dell’“accademismo” in tutte le sue forme: in una parola, del parlarsi addosso. L’occasione da cogliere, quella di un incontro vero, tra le persone, sui problemi: in un ambiente, umano, culturale e, perché no, anche paesaggistico, che quest’incontro favorisse. Di qui, la scelta dei temi e dei luoghi. Tra gli antichi muri del Castello di Gargonza si è ragionato di vecchi confini, che cadono, e di nuove reti, che possono collegare ma anche disorientare e intrappolare; degli spazi (virtuali?) di confronto tra capacità regolativa del diritto e tendenze anomiche del mercato. Sui prati dei laghi di Monticchio, si è discusso di “pensiero ribelle”. Nel chiostro di Sant’Andrea a Vercelli, di “identità europea e flussi migratori”. E speriamo di continuare.

      I testi che qui presentiamo sono stati concepiti per essere discussi anche stando seduti sull’erba, in maniche di camicia, ma a mente lucida e con franchezza. Sono perciò testi eterogenei: alcuni molto strutturati e documentati, altri decisamente più agili e discorsivi. A tutti, però, abbiamo chiesto di restituire la vivacità di un dialogo, il cui scopo non era certo di dire parole definitive, ma di aprire prospettive su cui “rilanciare”. Un dialogo al quale sono da oggi invitati anche i visitatori di questo portale.  

Bruno Montanari